Valdigrano Ti aiuta per una scelta consapevole > SCOPRI DI PIÙ

Curiosità

Parlando di pasta: le Linguine

Caratteristiche, storia e abbinamenti

Le linguine sono un formato di pasta lunga della stessa lunghezza degli spaghetti ma, a differenza di questi ultimi, con una sezione rettangolare anziché tonda e proprio per questo anche chiamate “spaghetti piatti”. Questa caratteristica permette alle linguine di appartenere alla famiglia delle bavette e delle trenette, ovvero a quei formati di pasta che sembrano essere nati da uno spaghetto “schiacciato”. Secondo gli storici le linguine, il cui nome sta ad indicare proprio “piccole lingue” data la forma, derivano come le tagliatelle dalle lagane, ovvero da quei fogli di pasta fresca all’uovo utilizzati per le lasagne e tagliati poi in stringhe dalla larghezza variabile. La loro origine risale al 1700, testi di letteratura infatti le descrivono come il piatto tipico delle famiglie liguri dell’epoca, condite con basilico, fagiolini e patate.

Tempo di cottura

8 minuti

Origine regionale

La madre patria delle linguine è la Liguria, in particolare Genova, dove questo formato è ancora oggi il protagonista dei piatti must have per tutti i turisti, nazionali ed internazionali.

Migliori abbinamenti

Molto spesso le linguine vengono accompagnate da condimenti a base di pesce, molluschi e frutti di mare. Solo per ricordare alcune tra le ricette più note citiamo le linguine alle vongole, le linguine allo scoglio o ancora le linguine con zucchine e gamberetti. Il condimento però per eccellenza con cui nasce il piatto più famoso di linguine è il pesto ligure a base di basilico fresco, pinoli, pecorino, aglio ed olio evo.

Ingredienti

Semola di grano duro e acqua

Valori nutrizionali medi per 100g di prodotto crudo

– Valore energetico: 1555 kJ / 367 Kcal

– Grassi: 1,5 g

– di cui saturi: 0,2 g

– Carboidrati: 73,0 g

– di cui zuccheri: 3,0 g

– Fibra: 2,5 g

– Proteine: 14,0 g

– Sale: 0,01 g

Consigli per la preparazione 

Cucini la pasta in modo sostenibile? Ecco qui piccoli accorgimenti che fanno la differenza.

1. Non sprecare l’acqua, utilizza la quantità necessaria: 1 litro di acqua ogni 100 grammi di pasta secca 

2. La cottura con coperchio fa risparmiare tempo e gas e l’acqua raggiungerà l’ebollizione prima

3. Aggiungi il sale non appena l’acqua ha raggiunto l’ebollizione e subito dopo butta la pasta

4. Metti il coperchio a metà cottura, spegni il gas (o la piastra elettrica) e termina così la preparazione, con la pasta nell’acqua calda, nella pentola chiusa.

Scopri qui le linguine della linea Valdigrano Qualità Superiore.

Articolo successivo

La pasta, un ottimo alleato per lo sportivo.

Tutti gli articoli